Fonderie - Inquinamento Atmosferico.com - Forum
Inquinamento Atmosferico.com - Forum

Vai indietro   Inquinamento Atmosferico.com - Forum > Inquinamento dell' Aria > Inquinamento da attività produttive



Se lo trovi interessante, puoi segnalarlo ai tuoi amici sui Social Network!


Fonderie

Inquinamento da attività produttive


Rispondi
 
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione Modalità di visualizzazione
  #1 (permalink)  
Vecchio 24-01-2011, 11:05
Junior Member
 
Registrato dal: Jan 2011
Messaggi: 3
predefinito Fonderie

Salve vivo in una Zona dove ci sono circa 4 fonderie in un raggio di 5 Km, siccome stiamo cercando di dare un freno ai loro abusi, ma siamo purtroppo solo all'inizio vi chiedo un aiuto, alcuni consigli:
é corretto far monitorare le polveri sottili emesse ed in aggiunta i gas atmosferici?
Sapete indicarmi un laboratorio che possa svolgere questi controlli (in Lombardia)?
avete qualche suggerimento su che altri parametri contollare?
si tratta di fonderie di aluminio ed ottone principalmente.

grazie e buona giornata
Rispondi quotando
  #2 (permalink)  
Vecchio 24-01-2011, 14:25
Junior Member
 
Registrato dal: Jan 2011
Messaggi: 13
predefinito EMISSIONI VELENOSE DELLE FONDERIE

CARO AMICO DELLA LOMBARDIA, INTANTO LE FONDERIE DEVONO ESSERE POSIZIONATE A 15 KM. DAI CENTRI ABITATI. POI BISOGNA VEDERE SE SONO ARRIVATE PRIMA LORO O ''IL CENTRO ABITATO''......
NOI QUI A VILLA COSTANTINA DI LORETO IN PROV. DI ANCONA NE ABBIAMO UNA CHE DISTA UN TIRO DI SCHIOPPO DAL CENTRO ABITATO.
QUALCHE ANNO FA, ERA A LIVELLO ARTIGIANALE POI PERO' HA INCREMENTATO LA PRODUZIONE E A TUTT'OGGI, IN CERTI GIORNI NON SI RESPIRA PIU' PERCHE' EMANA DAI CAMINI UNA PUZZA INCREDIBILE.
STIAMO LOTTANDO COME QUARTIERE E CON IL SOSTEGNO? ..DEL SINDACO.
MA SOPRATTUTTO DI UN AVVOCATO....NON E' FACILE MA CI PROVIAMO.
RISENTIAMOCI PER L' OCCASIONE PERCHE' ADESSO HO UN PO' DI FRETTA.
CIAO PEPPE
Rispondi quotando
  #3 (permalink)  
Vecchio 24-01-2011, 14:46
L'avatar di Davide
Administrator
 
Registrato dal: Apr 2009
Messaggi: 1,902
predefinito

Ciao Galdalf e benvenuto.
Vedo che il forum comincia a portare dei benefici: entrano in contatto persone che hanno gli stessi problemi pur essendo a centinaia di chilometri di distanza. In questo modo le diverse esperienze di ognuno possono contribuire a risolvere i problemi di tutti

Cercate di rimanere in contatto e magari date qualche dritta l'uno all'altro.

Per quanto riguarda le fonderie, le emissioni dipendono dal ciclo produttivo e dalla particolare lavorazione; possono essere le più diverse, con emissione di fluoro, cloro, idrocarburi, ecc. Comunque nello specifico avete a che fare con prodotti di combustione derivati dall’utilizzo dei combustibili impiegati nei forni ed emissioni di polveri e fumi ricchi di ossidi di metalli tipo zinco, rame, alluminio, ma anche piombo, manganese, nichel, cadmio, berillio. Logicamente se gli impianti di abbattimento degli inquinanti funzionano a dovere allora le emissioni sono minime, però se ogni tanto sentite puzze strane o vedete fumi bluastri, arancioni o altro... allora non ci siamo proprio.
Che problemi avete al momento? Come vi siete mossi? avete contattato le autorità? E' stata allertata l'Arpa regionale? sono stati fatti controlli?
Ci sono i dovuti canali per intervenire, le analisi e i monitoraggi in teoria non dovrebbero mai ricadere economicamente sulle spalle dei privati cittadini.
Comunque per quanto riguarda i monitoraggi, hai provato a dare un'occhiata alle aziende del settore elencate sul sito?
Aziende che operano nel settore dell'inquinamento dell'aria
Per adesso ti saluto
Rispondi quotando
  #4 (permalink)  
Vecchio 25-01-2011, 09:37
Junior Member
 
Registrato dal: Jan 2011
Messaggi: 3
predefinito

Premetto che sono consigliere comunale, contattare i comuni? nella ristrettezza in cui si trovano considerando che queste grosse aziende "danno una mano" a livello economico e impiegano dei loro cittadini pensi che si muovano? L'arpa, si quell'istituto che prima di fare controlli avvisa due settimane prima? sapete bene che funzionacosì.
L'idea è costutire un comitato di controllo, sto recuperando dei fondi e succesivamente provvedere a fare dei controlli atmosferici, terreno ed aque in modo indipendente per quello chiedevo se conoscevate dei laboratori in Lombardia che siano validi.
Siamo in una zona chem h una percentuale di tumori tra le pù alte della lombardia, ma come sempre gli itneressi prima di tutto.
Rispondendo anche alla domanda precedente di Davide, le fonderie sono praticamente in Paese ed ovviamente sono arrivate ben dopo i centri abitati anche se ormai sono li da 20 e passa anni.
Rispondi quotando
  #5 (permalink)  
Vecchio 25-01-2011, 13:40
L'avatar di Davide
Administrator
 
Registrato dal: Apr 2009
Messaggi: 1,902
predefinito

Ti assicuro che i controlli ARPA permettono spesso di trovare delle magagne, non hai idea di quante attività inquinanti vengono svolte senza le necessarie autorizzazioni.
Comunque è interessante quel che mi hai detto a riguardo della maggiore incidenza di malattie tumorali nella vostra area. Avete per caso i dati della ASL? casomai dovresti farveli dare in qualche modo.
Con i dati alla mano si potrebbe anche fare un esposto alla procura perchè vengano svolte delle indagini. Il procuratore attiverebbe i carabinieri del NOE (il Nucleo Operativo Ecologico) assieme al personale del Servizio Ispettivo dell'Asl allo scopo di individuare l'entità delle emissioni e un qualche nesso causale.

Voi tenete una sorta di registro dove scrivete i fenomeni d'inquinamento che riguardano la vostra area?
Rispondi quotando
  #6 (permalink)  
Vecchio 25-01-2011, 15:14
Junior Member
 
Registrato dal: Jan 2011
Messaggi: 3
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da Davide Visualizza il messaggio
Ti assicuro che i controlli ARPA permettono spesso di trovare delle magagne, non hai idea di quante attività inquinanti vengono svolte senza le necessarie autorizzazioni.
Comunque è interessante quel che mi hai detto a riguardo della maggiore incidenza di malattie tumorali nella vostra area. Avete per caso i dati della ASL? casomai dovresti farveli dare in qualche modo.
Con i dati alla mano si potrebbe anche fare un esposto alla procura perchè vengano svolte delle indagini. Il procuratore attiverebbe i carabinieri del NOE (il Nucleo Operativo Ecologico) assieme al personale del Servizio Ispettivo dell'Asl allo scopo di individuare l'entità delle emissioni e un qualche nesso causale.

Voi tenete una sorta di registro dove scrivete i fenomeni d'inquinamento che riguardano la vostra area?
fenomeni di inquinamento.. un vero e proprio registro non c'è ma si notano polveri sottili, odori nauseanti derivanti dalle fonderie o cmq da aziende di lavorazione dei metalli, poi c'è anhce il problema suini..
I dati li conoscono bene tuti da anni, possibile che mai nessuno si sia chiesto il motivo?
Rispondi quotando
  #7 (permalink)  
Vecchio 26-01-2011, 16:05
Junior Member
 
Registrato dal: Jan 2011
ubicazione: Milano
Messaggi: 20
predefinito Fonderie

Ciao Gandalf,
nel mio quotidiano lavoro sulla salubrità ambientale indoor mi trovo spesso di fronte a chiamate e allarmismi che poi, alla prova dei fatti e delle misurazioni, risultano essere in piena norma. Quindi ti consiglio di raccogliere evidenze al più presto per sostenere bene la vostra azione.

Ciò che affermava Davide circa la distanza dai centri abitati delle fonderie è effettivo e cogente. Mi chiedo come potete averne 4 in pochi Km (forse abiti fuori dal centro urbano?).
In ogni caso suggerisco prima di far intervenire gli organi preposti, magari andando di persona, o per iscritto a raccomandare la visita agli impianti (o misurazioni esterne) senza preavviso. Una buona tecnica potrebbe anche essere quella di preavvisare che poi potranno essere condotte prove e misurazioni indipendenti "di conferma".
A mio avviso per la carica che hai, il ricorso (in prima istanza) agli organi competenti è ancor più consigliabile.

Purtroppo nessun processo industriale, seppur ben controllato nelle emissioni, lascia intatta l'atmosfera.

A presto, Walter
Rispondi quotando
  #8 (permalink)  
Vecchio 23-02-2011, 16:37
SRA SRA non è in linea
Senior Member
 
Registrato dal: Jan 2011
ubicazione: Trezzano sul Naviglio (MI)
Messaggi: 367
predefinito

Ciao Gandalf,

stabilire relazioni causa-effetto tra inquinamento industriale e salute è davvero una questione molto complessa, che richiede, oltre ad analisi di tipo chimico sulle diverse matrici ambientali (aria, acqua, suolo, colture vegetali) anche approfondite valutazioni di tipo epidemiologico (a partire dai dati delle ASL ma non solo) le quali, però, non sempre esitano in risultati statisticamente validi per piccole realtà abitative.

Approntare un'indagine ad ampio raggio per la raccolta e l'analisi di campioni di suolo, aria ed acqua, risulta senz'altro necessaria ma potrebbe richiedere un impegno economico non indifferente in una prima fase, in quanto il numero di inquinanti da investigare sarebbe ampio (polveri, metalli pesanti, idrocarburi policilcici aromatici, diossine).

I problemi ambientali derivanti da aziende di questo tipo consistono non tanto nella gestione del normale esercizio degli impianti, per cui esisotno specifici limiti emissivi, ma nella gestione delle fasi critiche (anomalie, guasti, malfunzionamenti, fasi di riavvio degli impianti) le quali possono originare non solo elevati picchi emissivi concentrati in periodi temporali ristretti ma anche emissioni diffuse e fuggitive (non convogliate ai camini), difficilmente quantificabili e controllabili.
Come suggerisce Walter è importante in una prima fase raccogliere evidenze di fenomeni di inquinamento (foto e testimonianze relative a nubi di polvere, strrani colori dei fumi emessi dalle ciminiere, odori insoliti) da inviare agli organi competenti richiedendo indagini agli impianti più approfondite e articolate, nonchè misurazioni ambientali esterne anche di lungo periodo (un utile strumento risulta il monitoraggio delle deposizioni atmosferiche totali per i quali alcuni paesi europei, ad es. la Germania, hanno adottato specifici valori limite per una serie di inquinanti).
__________________
Il mio sito web:
www.studioricercheambientali.com - Monitoraggi Analisi e Consulenza
Rispondi quotando
  #9 (permalink)  
Vecchio 07-11-2011, 16:39
Junior Member
 
Registrato dal: Nov 2011
Messaggi: 3
predefinito

Buongiorno a tutti,
sono il responsabile ambientale di una grande fonderia del nord-ovest. Spesso mi capita di incontrare atteggiamenti simili a molti di quelli riscontrati qui: diffidenza, ostilità, sensazione che le aziende sempre e comunque operino ai margini della legalità ed attentino occultamente e coscientemente alla salute pubblica... Eppure nel 99% dei casi non è così.
Le realtà produttive sono una risorsa fondamentale per il territorio in cui risiedono, e spesso ce ne rendiamo conto solo nel momento in cui chiudono gli stabilimenti e li riaprono all'estero; hanno inevitabili aspetti ed impatti ambientali, molti dei quali significativi, che in genere sono noti, controllati, monitorati, ed oggetto di programmi di miglioramento continuo. Spesso possono essere origine di fastidio (odori, rumori, vibrazioni...), esattamente come lo può essere un vicino di casa dalla cucina indigesta, senza che peraltro venga magari infranta alcuna legge (o regolamento condominiale, nel caso del vicino). Esistono documenti ed elementi cogenti (ad esempio le "BAT", Best Available Techniques" rilasciate dai comitati tecnici della UE) che per ogni tipo di processo industriale stabiliscono quali siano i modi migliori per effettuarlo, e quali siano gli impatti ambientali associati. Le leggi in Italia ci sono, sono piuttosto severe, ed in genere (almeno da quando esiste professionalmente il Dott.Guariniello) vengono applicate con scrupolo. Strano ma vero.
Una domanda che vorrei porre a chi si sente (magari anche a ragione) minacciato nella propria salute da un'azienda è questa: ha provato a porre il problema in primo luogo alla fonte? Ha provato a scrivere o telefonare all'azienda esponendo il problema a chi si occupa di gestirne gli aspetti ambientali? Perché si dà per scontato che sarebbe inutile, e predomina la sensazione che questo tipo di problemi possa essere risolto unicamente giocando d'attacco (ovvero mediante esposti, denunce, segnalazioni agli enti, misurazioni autonome)?
La fonderia in cui opero sorge in un centro abitato (che peraltro ha "abbracciato" lo stabilimento nel corso dei decenni). L'impatto ambientale è innegabile, periodici problemi di convivenza ci sono e ci sono sempre stati. Allo stesso tempo, il sistema di gestione, monitoraggio e contenimento degli impatti è imponente. Personalmente ho sempre offerto la massima disponibilità e trasparenza a chi mi ha posto un problema di disturbo, di sospetto inquinamento, o quant'altro, fornendo spiegazioni, risposte, approfondendo ed indagando se necessario, misurando, confrontandomi, monitorando nel tempo e tenendo al corrente; in genere i problemi si sono sempre risolti positivamente. Viceversa, molto spesso denunce ed esposti hanno ottenuto scarsi risultati, perché senza fondamento tecnico (una torre evaporativa, in periodi di inversione climatica, può sembrare l'emissione di chissà quale demoniaca sostanza bianca... e solo il Padrenostro sa quante segnalazioni di "torri evaporative assassine" ricevono le ARPA di tutta Italia), e contemporaneamente NON hanno risolto il problema di chi ha sollevato il disagio, che non ha visto cambiare nulla senza saperne il perché (ed allora, largo all'immaginazione di chissà quale complotto e connivenza fra l'azienda e gli enti di controllo).
In conclusione, quindi, il mio consiglio è di muovere sempre il primo passo nei confronti della fonte del disturbo. Impariamo a considerare le aziende di casa nostra come una ricchezza, specialmente in questi anni di impoverimento culturale, industriale ed economico, fatta di persone che lavorano cercando di dare il meglio possibile. Se non si hanno risposte soddisfacenti, o non se ne hanno proprio, è lecito allora partire all'attacco... e, in questo caso, con un elemento di ragione in più.
Rispondi quotando
  #10 (permalink)  
Vecchio 08-11-2011, 16:09
L'avatar di Davide
Administrator
 
Registrato dal: Apr 2009
Messaggi: 1,902
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da cavaliereinesistente Visualizza il messaggio
Buongiorno a tutti,
sono il responsabile ambientale di una grande fonderia del nord-ovest.
Benvenuto nel forum.
Grazie per le precisazioni e per la disponibilità che dimostri nella tua realtà quotidiana nei confronti delle persone che si trovano nei pressi dello stabilimento in cui lavori.
Spero che la tua esperienza possa in qualche modo far luce sulle cause che danno origine alle spiacevoli esperienze che gli utenti descrivono in questo forum, sono tutte persone che vivono nei pressi di attività produttive simili alla tua, per cui il tuo aiuto potrebbe essere estremamente valido.
Innegabilmente si tratta di stabilimenti molto problematici che spesso causano le proteste del vicinato. Purtroppo anche lo stato dell'arte qualche volta non basta e in alcuni casi viene messo da parte nell'ottica delle esigenze produttive; gli stessi impianti di abbattimento ogni tanto non bastano in quanto sono inattivi per negligenze varie o per i loro cicli di manutenzione, qualche volta non sono nemmeno adatti o dimensionati correttamente. Logicamente in Italia non abbiamo situazioni come si possono vedere in Cina, dove i sistemi di abbattimento restano spenti per risparmiare energia, là i limiti di emissione sono spesso ancora più stringenti dei nostri, ma le multe per le aziende che non li rispettano sono estremamente basse.
Comunque la situazione italiana non è nemmeno rosea come tu la dipingi, ritenendo che per il 99% le aziende del tuo settore non operino ai margini della legalità. Purtroppo la realtà è ben diversa e me ne rendo conto quando vengo contattato a ripetizione da persone che si lamentano per quello che sono costretti a sopportare quotidianamente. Ti assicuro che chi scrive nel forum è solo una piccola fetta delle persone che si lamentano, la realtà è ben diversa anche da quella che può trasparire dalle proteste che emergono qui, e purtroppo è peggiore.

Nella speranza che tu contribuisca positivamente allo sviluppo del forum, ti saluto.
Rispondi quotando
Rispondi

Tag
fonderia

Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata
Modalità di visualizzazione

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilie sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è disattivato
Trackbacks are attivo
Pingbacks are attivo
Refbacks are disattivato





Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 08:13.


Powered by vBulletin® Version 3.8.9
Copyright ©2000 - 2017, Jelsoft Enterprises Ltd.

Traduzione italiana Team: www.vBulletin-italia.it
© Circuito WebNetwork.it - P.iva 03764980284